Sterilizzatore a caldo o a freddo? Confronto, dettagli

La sterilizzazione degli oggetti è un processo consigliato in ambito domestico e obbligatorio nel caso di alcune professioni e procedure, soprattutto mediche.

Nelle prossime righe approfondiremo le due tipologie di sterilizzatori tra cui puoi scegliere: quelli a freddo e quelli a caldo.

Buona lettura!

Sterilizzatori: cosa sono?

Partiamo da una spiegazione basica, ma fondamentale. Gli sterilizzatori sono degli apparecchi più o meno capienti e/o ingombranti in grado di effettuare il classico processo di sterilizzazione degli oggetti. Quest’ultimo porta all’eliminazione dei microrganismi presenti sulle superfici e, con il termine sterile, si intende un oggetto sul quale la possibilità di trovare un microrganismo è inferiore a una su un milione.

Abitualmente, la sterilizzazione avviene a caldo, sfruttando le alte temperature per innescare un processo di ossidazione dei componenti cellulari degli organismi che si intende eliminare. Per quanto riguarda la temperatura necessaria per avere un buon risultato, questa dovrebbe aggirarsi sui 160° o sui 180°; nel primo caso il processo durerà un’ora, mentre nel secondo caso sarà sufficiente mezz’ora.

Tutto questo è naturalmente valido soprattutto nel caso di sterilizzatori professionali deputati alla sanificazione di materiali chirurgici e diagnostici oppure legati alla cura e al benessere della persona nei centri estetici, nei saloni di bellezza, nelle spa e negli hotel.

Gli sterilizzatori pensati invece per l’uso domestico sono innanzitutto più economici, più piccoli e, a seconda del modello scelto, anche i tempi di sterilizzazione saranno inferiori.

Le diverse tipologie di sterilizzatori

Per scegliere lo sterilizzatore che fa al caso tuo, devi innanzitutto partire dalla tipologia che ti interessa maggiormente e che ti risulta più comoda e pratica.

Gli sterilizzatori possono essere di due tipi e la differenza riguarda essenzialmente il modo in cui viene svolto il processo di sterilizzazione: a freddo oppure a caldo.

Inoltre, sebbene la modalità a freddo rimanga la stessa a prescindere dai modelli, quella a caldo può essere a sua volta divisa in altre due tipologie: gli sterilizzatori elettrici e gli sterilizzatori a microonde.

Gli sterilizzatori a freddo

Gli sterilizzatori a freddo funzionano tramite l’immersione degli oggetti che vuoi disinfettare all’interno di una soluzione di acqua e prodotti battericidi specifici.

Si presentano come una semplice vaschetta da riempire con abbondante acqua fredda mischiata ai prodotti disinfettanti. Questi ultimi possono essere acquistati in farmacia e, soprattutto, devono essere dosati con attenzione. Generalmente è sufficiente un cucchiaio di soluzione per litro d’acqua, ma ti raccomandiamo di consultare sempre il manuale d’uso specifico. Inoltre, questa soluzione può essere acquistata sia in formato liquido sia sotto forma di pastiglie.

Mi raccomando: non usare mai dei prodotti non specifici perché potrebbero non essere sicuri e creare degli spiacevoli problemi.

Una volta organizzata la vaschetta con l’acqua e il disinfettante, immergi gli oggetti come i giochini, il ciuccio e i biberon e lasciali in ammollo. Se nel modello che hai scelto è presente anche un ulteriore vassoio, sistemalo al di sopra del contenitore per tenere sott’acqua tutti gli oggetti, oppure usa una stoviglia di tua proprietà.

Il tempo di ammollo dipende base al modello e alla soluzione scelta e può variare tra un quarto d’ora e un’ora piena. Consulta sempre il manuale d’istruzione per assicurarti della corretta procedura.

Gli sterilizzatori a caldo

Gli sterilizzatori a caldo, invece, funzionano grazie all’uso del vapore o di temperature molto elevate. Questa modalità è più veloce rispetto a quella a freddo, nonché più pratica: non dovrai cercare degli altri prodotti per effettuare la sterilizzazione, al contrario dei modelli a freddo.

Come abbiamo già accennato, fanno parte di questa tipologia sia gli sterilizzatori a vapore sia quelli a microonde.

Gli sterilizzatori a vapore

Gli sterilizzatori a vapore sono formati da un cestello provvisto di supporti e spazi nei quali sistemare gli oggetti desiderati. I modelli più piccoli hanno solitamente da due a tre spazi, mentre quelli più capienti mettono a tua disposizione sino a sei spazi.

Alcuni sterilizzatori di questo tipo sono standard e quindi in grado di ospitare i biberon di ogni marca e dimensione, mentre altri sono specifici per i prodotti dello stesso brand. Nonostante queste piccole differenze, tutti i modelli sono dotati di un timer che notifica la fine del processo di sterilizzazione che può durare dai sette ai quindici minuti.

Il loro funzionamento è elettrico ed è dunque necessaria una presa di corrente sempre a portata di cavo.

L’utilizzo è molto semplice: riempi il cestello con all’incirca 200ml d’acqua e poi sistema i biberon a testa in giù sui supporti presenti; tra i supporti, in basso o sopra i biberon sistema gli altri oggetti come le tettarelle, i coperchi, i ciucci e quant’altro. Sistema il coperchio e premi il tasto di accensione. In questo modo all’interno dello sterilizzatore la temperatura si alzerà sino ai 100°C, formando la quantità di vapore necessario. Una volta terminato questo processo togli dal cestello tutti gli oggetti, lasciali asciugare oppure usa un panno.

Gli sterilizzatori a microonde

Gli sterilizzatori a microonde sono naturalmente consigliati alle famiglie che già possiedono un forno di questo tipo.

Avrai a disposizione un contenitore all’interno del quale dovrai versare 200ml d’acqua, e una griglia con spazi di diverse forme e dimensioni da inserire dentro il contenitore. Sistema sulla griglia le tettarelle, i coperchi e i biberon negli appositi spazi o supporti e richiudi con il coperchio.

La durata del processo di sterilizzazione con degli sterilizzatori di questo tipo dipende dalla potenza del tuo forno a microonde:

  • per 1100W sono sufficienti quattro minuti
  • per 1000W impiegherà sei minuti
  • per 800W dovrai invece aspettare otto minuti

Anche in questo caso, però, ti rimandiamo alle indicazioni sicuramente più precise riportate sul libretto d’istruzioni.

Una volta spento il forno, aspetta circa tre minuti prima di toccare o aprire lo sterilizzatore.

Sterilizzatori messi a confronto

Tra gli sterilizzatori che ti abbiamo presentato, ce n’è uno migliore rispetto agli altri? La risposta può essere solo una: dipende dalle tue esigenze.

Pensiamo per esempio alla velocità di sterilizzazione. I modelli a freddo sono sicuramente quelli più lenti e di conseguenza, se il tuo obiettivo è fare dei cicli molto veloci, punterei sui modelli a caldo e, nello specifico su quelli a microonde, i più rapidi di tutta la gamma.

Ma se invece a interessarti è la capienza del prodotto, allora un modello elettrico è quello che fa al caso tuo. Uno sterilizzatore molto capiente è consigliato soprattutto alle famiglie che usano il latte in polvere, perché potranno così disinfettare e preparare sino a sei biberon per volta.

Cerchi uno sterilizzatore che metta al primo posto la praticità? Allora in questo caso potresti spostarti su un modello a freddo, semplice e maneggevole da usare fuori casa e da lasciare nelle case dei parenti, amici o babysitter che ti aiutano con l’organizzazione quotidiana. Il modello elettrico, in questo caso, non è assolutamente consigliato: si tratta di un apparecchio pesante, ingombrante e che, soprattutto, può essere usato esclusivamente collegato a una presa elettrica.

L’ultimo fattore da considerare è il prezzo. Vuoi un prodotto che unisca capienza e velocità? Allora dovrai comprare i modelli elettrici sebbene siano i più costosi. Hai un forno a microonde e non vuoi spendere troppo? Scegli un modello a microonde che, sebbene non garantisca un’elevata capienza, è abbastanza rapido da permetterti di effettuare tanti cicli uno dietro l’altro. Inoltre, questi sono i modelli più economici disponibili sul mercato. Sei alla ricerca di uno sterilizzatore pratico da portare in viaggio e da usare fuori casa? Allora lo sterilizzatore a freddo è la soluzione perfetta per te.

Insomma, decidi in base alla tua comodità!

Back to top
Apri Menu
sterilizzatoremigliore.it